Crea sito

UN MIRACOLO GROSSO nei Sonetti del Belli

    Pijjate un grancio: er fatto der dragone
Nun fu un cazzo a Ssan Chirico e Ggiuditta.
Ditelo a mmé, cche mme l'ha ddetto Titta
Che jje l'ha ddetto bbonziggnor Ciardone!
    Voi 'ntennete de quer che ssan Leone,
Doppo avé lletto un po' de carta scritta,
Lo portò ccor detino de mandritta
A spasso a spasso com'un can barbone?
    Manco male! Ebbè, er fatto, sor Felisce
Mio, fu assuccesso ggiù a Ccampo Vaccino
Sott'a Ssanta Maria l'imperatrisce.
    Cosa sa ffà la fede! Un cordoncino
Regge un dragone, che er barbiere disce
Nun poterìa legà mmanco un cudino.

                          10 ottobre 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

UN MIRACOLO GROSSO

Prendete un granchio: il fatto del dragone non fu affatto a San Chirico e Giuditta. Ditelo a me, che me lo ha detto Titta che glielo ha detto monsignor Ciardone! Voi intendete di quello che san Leone dopo avere letto un poco di carta scritta, lo portò con il mignolo della mano destra  a passeggio come un cane barbone? Bravo! Ebbene, il fatto, signor Felice mio, successe giù a Campo Vaccino sotto a Santa Maria l'imperatrice. Cosa fa la fede! Un cordoncino regge un dragone, che il barbiere dice non potrebbe legare neanche un codino.