Crea sito

PAPA GRIGORIO A LI SCAVI nei Sonetti del Belli

    "Bbene!", disceva er Papa in quer mascello
De li du' scavi de Campo-vaccino:
"Bber bùscio! bbella fossa! bber grottino!
Bbelli sti serci! tutto quanto bbello!
    E gguardate un po' llì cquer capitello
Si mmejjo lo pò ffà uno scarpellino!
E gguardate un po' cqui sto peperino
Si nun pare una pietra de fornello!"
    E ttratanto ch'er Papa in mezzo a ccento
Archidetti e antiquari de la corte
Asternava er zu' savio sintimento,
    La turba, mezzo piano e mmezzo forte,
Disceva: "Ah! sto sant'omo ha un gran talento!
Ah, un Papa de sto tajjo è una gran zorte!"

                             15 marzo 1836

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

PAPA GREGORIO AGLI SCAVI

“Bene!” diceva il Papa in quel disordine degli scavi di Campo-vaccino: “Bel buco! Bella fossa! Bel grottino! Belle queste pietre! Tutto quanto bello! E guardate un po' lì quel capitello non lo potrebbe fare meglio uno scalpellino! E guardate un po' qui questo peperino se non pare una pietra da fornello!” E intanto che il Papa in mezzo a cento architetti e antiquari della corte esternava il suo saggio sentimento, la folla, a mezza voce, diceva: “Ah! Questo sant'uomo ha un gran talento! Ah, un Papa di questo valore è una grande fortuna!”