Crea sito

LE GGIURISDIZZIONE

    È un gran birbo futtuto chi sse laggna
De le cose ppiù mmejjo der Governo.
Come! ner cor de Roma cuel'inferno
De le puttane de Piazza de Spaggna?!
    S'aveva da vedé 'na scrofa caggna
D'istat'e utunno e pprimaver'e inverno,
Su cquer zanto cusscino in zempiterno
A cchiamà li cojjoni a la cuccaggna?
    Hanno fatto bbenone: armanco adesso
Se fotte pe le case a la sordina,
E ccor prossimo tuo come tte stesso.
    Mo ttutto se pò ffà ccor zu' riguardo
Co cquella ch'er Ziggnore te distina;
E ar piuppiù cce pò usscì cquarche bbastardo.

            Roma, 5 dicembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

LE GIURISDIZIONI

È un gran birbante fottuto chi si lagna delle cose migliori del Governo. Come!   nel cuore di Roma quell'inferno delle puttane di Piazza di Spagna?! Si aveva da vedere una scrofa cagna d'estate e autunno e primavera e inverno, su quel santo cuscino in sempiterno a chiamare i coglioni alla cuccagna? Hanno fatto benone: almeno adesso si fotte per le case in sordina, e col prossimo tuo come te stesso. Ora tutto si può fare col suo riguardo con quella che il Signore ti destina; e al piùpiù ci può uscire qualche bastardo.

Per saperne di più

Il palazzo dei ministri di Spagna godeva immunità per un circondario che comprendeva molte contrade che, perciò, erano popolate di prostitute che usavano tenere un guanciale sui balconi ove si affacciavano per adescare i clienti.