Crea sito

LA SERVA DE CASA

    Ha ttutte le vertù cch'è nnescessario
Pe bben zervì la nobbirtà rromana.
È mmatta, è strega, è spia, è lladra, è cciana,
E ppe bbuscìe nun ce la pò er lunario.
    Si ppoi volemo seguità er rosario,
Er padrone lo serve da puttana,
La padrona la serve da ruffiana,
E ccusì ss'aritrippica er zalario.
    Inortre sce sarìa 'n'antra catasta
De difettucci e ttutti a bbommercato;
Ma vve sbrigo: è una serva, e ttant'abbasta.
    E nnò ppe ggnente da tant'anni addietro,
Le serve in ner pretorio de Pilato
Sò state mmaledette da San Pietro.

                     2 dicembre 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti