Crea sito

ER CAVAJJER DE SPAD'E CCAPPA nei Sonetti del Belli

    Chi ffussi cavajjer de spad'e ccappa
Cosa vierebb'a èsse in fin de fini?
Eh, ssarebb'uno che nun cià cquadrini,
Eppuro, grazziaddio, sempre la strappa:
    Un negozziante de leccate e inchini
Che sta ar ricasco de li ricchi, e ppappa:
Uno che rruga sempre e ssempre scappa,
E ssoverchia noantri piccinini:
    Un pajjaccio de corte, un cammeriere
Pien de croscette e ffittuccine in petto,
C'arregge a li padroni er cannejjere:
    Uno che nnun za un cazzo e ffa er dottore:
Un Galimèdo arriggistrato in Ghetto:
Un milordo a la bbarba der zartore.

                       4 gennaio 1846

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti