Crea sito

ER MORO DE PIAZZA NAVONA

    Vedi llà cquela statua der Moro
C'arivorta la panza a ssant'Aggnesa?
Ebbè, una vorta una Siggnora ingresa
La voleva dar Papa a ppeso d'oro.
    Ma er Zanto Padre e ttutto er Conciastoro,
Sapenno che cquer marmoro, de spesa,
Costava più zzecchini che nun pesa,
Senza nemmanco valutà er lavoro;
    Je fesce arrepricà ddar Zenatore
Come e cquarmente nun voleva venne
Una funtana de quer gran valore.
    E cquell'ingresa che ppoteva spenne,
Dicheno che cce morze de dolore:
Lusciattèi requia e scant'in pasce ammenne.

                                                   25 agosto 1830

                        Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Piazza Navona foto D.Bajani

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

IL MORO DI PIAZZA NAVONA

Vedi là quella statua del Moro che è rivolta verso S.Agnese?
Ebbene, una volta una signora inglese la voleva comprare dal Papa a peso d'oro.
Ma il Santo Padre e tutto il Concistoro, sapendo che quella statua di marmo, di spesa, era costata una cifra superiore al suo peso in zecchini, senza considerare il valore del lavoro; le fece riferire dal Senatore i motivi per cui non voleva vendere una fontana di quel grande valore.
E quell'inglese che poteva spendere, dicono che ci morì di dolore: pace all'anima sua (luceat eis, requiescant in pace – amen).