Crea sito

ER ZENATO ROMANO

    Tra le cojjonerie che vva fascenno
La santità de Pio Nostro Siggnore,
Disce che vvò ddismette er Zenatore;
Ma ccome l'ho ccrompata io ve la venno.
    Male o bbene che ssia, nun me n'intenno;
Perantro ho ggran ppavura d'un timore:
Che a Ccampidojjo sce sarà rrimore
E a Rroma quarche mmascellaccio orrenno.
    Si er Zenatore armassi li Fedeli,
Li scribbi, Caporioni e Ccapotori,
Tutta la frateria de l'Aresceli,
    Tutti li carcerati debbitori...
Dio mio! me sce s'addrizzeno li peli
A ppenzà ar zangue drento e ar zangue fòri.

                         5 gennaio 1847

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti