Crea sito

ER PIJJAMENTO D'ARGERI

    Quante sfrisielle a ttajjo e scappellotti!
Quante chicchere a ccoppia e sventoloni!
Quant'acciacco de chiappe e dde cojjoni
Quant'infirze de schialli e dde cazzotti!
    Poveri Turchi, come sò aridotti
Co cquell'arifilate de gropponi!
Beato chi ppò avé ttra li carzoni
Un fiasco d'ojjo e un bon caval che ttrotti!
    Nun c'è da dì, ppe ssant'Antonio abbate:
Li Francesi sò ggente che, Mmadonna!,
Sò bboni pe l'inverno e ppe l'istate.
    E mmo mmetteno in cima a 'na colonna
Er Deo d'Argèri, che vva a ffasse frate,
O vviè a vvenne le pizze a la Ritonna.

                               20 luglio 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti