Crea sito

ER CORPO ARITROVATO

    È una sscèna, per dio, propio una sscèna.
Ma ttutte ar tempo mio s'ha da vedelle!
Pe quattr'ossacce senza carn'e ppelle
S'ha da pijjà la ggente tanta pena!
    E ttutti fanno sta cantasilèna:
È llui: nun è: ssò cquelle: nun zò cquelle:
È Rraffaelle: nun è Rraffaelle...
E ttutt'er giorno la Ritonna è ppiena.
    Certo, nun dubbità, ssò ccasi serj!
Come c'a Rroma sciamancassin'ossa
Tramezz'a un venti o un trenta scimiteri!
    Trovi uno schertro in de la terra smossa?
Ebbè, ssenza de fà ttanti misteri,
Aribbuttelo drento in de la fossa.

                1 novembre 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti