Crea sito

CRISTO A LA COLONNA

    Er Redentor Gesù, sotto le bbraccia
De quelli manigordi senza fede,
Dite che ddiventò dda cap'a ppiede
Una spesce d'un pezzo de carnaccia.
    Uhm, ar vede la colonna che sse spaccia
Pe cquella vera llì a Ssanta Presede,
Sarà stato in ner petto e in ne la faccia,
Ma in tutt'er corpo nu lo posso crede.
    Ce starò ppe la panza e ppe la schina,
Pe bbracc'e ffianchi e ppe le cossce puro,
Ma in tutt'er corpo nò, ssora Fermina.
    Io so cc'a la colonna accost'ar muro
Me sce sò mmisurato stammatina,
E ar meno er culiseo stava ar zicuro.

                        19 maggio 1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti