Crea sito

LI DU' QUADRI

    Io e Mmoma, in du' artari a la Ritonna,
Che bbelli quadri avemo visto, tata!
Uno era Ggesucristo a la colonna,
E ll'antro la Madonna addolorata.
    Tata mia, quela povera Madonna
Che spada ha in de lo stommico infirzata!
E 'r Gesucristo gronna sangue, gronna
Che ppare propio una vasca sturata.
    Ve dico, tata, ch'io nun ho mmai visto
Fra cquanti Ggesucristi sce sò a Rroma,
Chi ppòzzi assuperà cquer Gesucristo.
    Ma la Madonna poi!... È vvero, Moma?
Tiè un par de calamari e un gruggno pisto,
Che sse strilla addrittura: "È un'ecce-oma."

                         13 marzo 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

Pantheon,Roma foto D.Bajani

I DUE QUADRI

Io e Girolama, su due altari alla Rotonda, che bei quadri abbiamo visto, papà! Uno era Gesucristo alla colonna, e l'altro la Madonna addolorata. Papà mio, quella povera Madonna che spada ha affondata nello stomaco! E il Gesucristo gronda sangue, gronda che sembra proprio una vasca stappata. Vi dico, papà, che io non ho mai visto tra quanti Gesucristi ci sono a Roma, chi possa superare quel Gesucristo. Ma la Madonna poi!... È vero, Girolama? Ha certe occhiaie e un viso pesto, che si strilla addirittura: “È un' ecce-homa.”