Crea sito

LA MORTE DER RABBINO nei Sonetti del Belli

    È ito in paradiso oggi er Rabbino,
Che ssarìa com'er Vescovo der Ghetto;
E stasera a li Scòli j'hanno detto
L'uffizzio de li morti e 'r matutino.
    Era amico der Papa: anzi perzino
Er giorn'istesso ch'er Papa fu eletto
Pijjò la penna e jje stampò un zonetto
Scritto mezzo in ebbreo mezzo in latino.
    Dunque a la morte sua Nostro Siggnore
Cià ppianto a ggocce, bbe' cche ssia sovrano,
E cce s'è inteso portà vvia er core.
    Si ccampava un po' ppiù, tte lo dich'io,
O nnoi vedemio er Rabbino cristiano,
O er Papa annava a tterminà ggiudio.

                      9 maggio 1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti