Crea sito

CASTER-ZANT-'ANGELO. I

 Quer dottor de Saspirito in zottana
C'a Ttuta, aggratis, je guarì la tiggna,
Che ll'anpassato la portò a la viggna
E st'agosto j'ha ffatto da mammana,
    Disce che, a la Repubbrica Romana,
Lassù, ppe vvia de 'na frebbe maliggna
C'era invesce dell'angelo una piggna
E Ccastello era la gran Mola driana.
    Accidenti! che bbuggera de mola!
Averanno impicciato tutt'er fiume
Co li rotoni de sta mola sola!
    Oh vvarda, cristo!, come va er custume!
Mascinà pprima er grano pe la gola,
Eppoi pell'occhi fà ggirelli e ffume!

                               6 gennaio1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

Castel S.Angelo foto D.Bajani

CASTEL SANT'ANGELO.I

Quel dottore di Santo Spirito in sottana che a Tuta, gratis, le guarì la tigna, che l'anno passato la portò alla vigna e quest'agosto le ha fatto da mammana. Dice che, a la Repubblica Romana, lassù, per via di una febbre maligna c'era invece dell'angelo una pigna e Castello era la grande Mola Adriana.
Accidenti! Che sproposito di mola! Avranno occupato tutto il fiume con i ruotoni di questa mola sola! Oh guarda, cristo!, come va il costume! Macinare prima il grano per la gola, e poi per gli occhi fare fuochi d'artificio!