Crea sito

LA PERLA DE LE DONNE

    Te scojjoneno?! oh vvarda ch'ingiustizzie!
Tu cche nun pòi trovà ddonna compaggna!
Che ttratti tutte case maggnatizzie,
Cuante che cce ne sò ddove se maggna!
    Te disprezzeno?! oh ffijji d'una caggna!
Loro! pieni de tàccoli e mmalizzie!
A tté! che cquanti fanno l'esercizzie
L'obbrighi a rrisercià Ppiazza de Spaggna!
    Svergoggnà tté! se pò ssentì de peggio?!
Tu cche llavori er manico a le spazzole
A ttutti li pivetti der Colleggio!
    Conzòlete: sei Tuta, e ttant'abbasta.
Tu ssei come le perle scaramazzole:
Er peccato è dder buscio che le guasta.

            Roma, 11 maggio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

LA PERLA DELLE DONNE

Ti prendono in giro?! oh guarda che ingiustizie! Tu che non puoi trovare una donna compagna! Che tratti tutte case altolocate, quante ce ne sono dove si mangia! Ti disprezzano?! oh figli di cagna! Loro! pieni di difetti e corruzione! A te! che quanti fanno le esercitazioni li obblighi a rifare il selciato di Piazza di Spagna! Svergognare te! si può sentire di peggio?! Tu che lavori il manico alle spazzole a tutti i ragazzi del Collegio! Consolati: sei Tuta, e tanto basta. Tu sei come le perle scaramazze: il peccato è del buco che le guasta.

Per saperne di più

A Piazza di Spagna le prostitute erano protette dalla giurisdizione del Palazzo di Spagna.