Crea sito

ER VENTIDUA DESCEMMRE

   Propio cuesta che cqui nnun ve la passo,
De dì cche sto governo è un priscipizzio.
Sor coso mio levàtevelo er vizzio
De laggnavve accusì dder brodo grasso.
    Er Zantopadre, pe ddiograzzia, è ll'asso,
È un testone, è un papetto de ggiudizzio:
E ssi ariviè ssan Pietro a ffà st'uffizio,
Lui se ne frega e sse lo porta a spasso.
    Oggi (e cqua vvedi cuant'è ssanto e ddotto)
Voleva ggiustizzià er Governatore
Scerti arretrati, che ssò ssette o otto.
    Sai c'arispose er Papa a Mmonziggnore?
"Giustizzia?! che ggiustizzia; io me ne fotto:
Ner giubbileo se nassce e nnun ze more."

            Roma, 19 dicembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti