Crea sito

LE DONNE LITICHINE. III

    Ch'edè sto tatanài? Stamo a la ggiostra?
Lassa stà cquela donna, vassallona.
E vvoi, sora scucchiaccia bbuggiarona,
Arzàteve da terra, e a ccasa vostra.
    E cche, ssangue de ddio!, sta strada nostra
È ddiventata mó Piazza Navona?
Oggni ggiorno, pe ccristo, una canzona!
Sempre strilli, bbaruffe e cchiappe in mostra!
    Me fa spesce de voi che ssete vecchia,
E ddate un bel'essempio ar viscinato.
Sù, a ccasa, o vve sce porto pe un'orecchia.
    Vvoi poi, sor'arpia, pe ddio sagrato!,
Nun me chiamate ppiù mmastro Nardecchia
Si un'antra vorta nun ve caccio er fiato.

                          27 marzo 1836

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Piazza Navona foto D.Bajani