Crea sito

LE CONNOTTURE DE ROMA

    Naturale c'arfine se sò rrotti
Li connotti de tutti li bbottini:
Subbito che sse fa ttutto a ccazzotti
Pe schiaffasse in zaccoccia li quadrini.
    Si er Governo ordinanno li connotti,
Nu li fascessi mette accusì ffini,
Nun vederessi mó sti pissciabbótti
Schizzà ffora cqua e llà ddove cammini.
    Ecco cosa succede a li paesi
Dove er vino dà in testa a cchi ccommanna:
Le funtane nun butteno du' mesi.
    Più de li funtanoni de San Pietro?
Da che er Papa sta llà, tte pare, Nanna,
C'abbino l'acqua de quarc'anno addietro?

                           16 giugno 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti