Crea sito

LE CCHIESE DE ROMA

Quer prete a la Madon de la Pusterla
Secco secco, arto arto, bbrutto bbrutto,
Che sse maggnò de sabbito una merla
Cotta co li lardelli e cco lo strutto:
    Sto quequero de prete, che ssa ttutto,
Disce che Ssan Lorenzo Panepperla
In todesco vò ddì pan'e ppresciutto:
Ma sta volata je se pò ccredérla?
    Nun ze nega però ch'in quant'a cchiese
A Rroma uno ppiù bbazzica e ppiù ttrotta
E ppiù bbuffe ne trova a sto paese.
    C'è Ssan Spirito in Zassi a la Longara,
Metti San Biascio poi de la Paggnotta,
Poi la Minerba e ppoi la Pulinara.
    Senti quest'antra e impara:
Santa Maria in Cacàbberi! e ssi ccerchi
Trovi er Zudario e la Madon de Scerchi.
    Levamo li cuperchi
A st'antre dua: San Neo e Ttacchineo,
E la Madonna de Campocarleo.
    Lì a Ssan Bartolomeo
C'è in faccia San Giuvanni Gabbolita,
E cc'è a Ppiazza de Sciarra er Caravita.
    Ma cqua nun è ffinita:
Ce sò li Stimiti, e ppoi dua ppiù bbrutte,
Sastèfino der Cacco e Ssammautte.
    E nu l'ho ddette tutte.
C'è er Zan Tomasso accenci e l'Imperione,
San Lorenzo immiranna e 'r Confalone.
    Poi viè ll'antra porzione
De San Giorgio in Vel'apro, e in certi vicoli
La cchiesa de Sastèfino in Pesscicoli.
    Vòi ppiù nnomi ridicoli
De Subburra, Rescèli e Strapuntina?
Se pò ppassà Ssanta Maria Carina?
    Manco a scappà in cantina
Da li tre Ssan Giuvanni uno se sarva
Dell'Àino, de la Piggna e de la Marva.
    Farai la coccia carva,
E ssempre n'averai de le ppiù bbelle.
Ortr'a Ssan Zarvator de le Cupelle
    Ce ne sò cc'a vvolelle
Dì ttutte sce vorìa de stenne un fojjo
Cqua da Scossciacavalli a Ccampidojjo.
    E ppe cquesto nun vojjo
Protenne tanto che nun vadi ar lecco
Cuer prete amico mio, bbrutto, arto e ssecco.

                    15 gennaio1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti